L’agenzia Gruppo icat dà vita a una nuova divisione dedicata alla cultura del marketing e della comunicazione. Un progetto pensato per manager, imprenditori, professionisti e addetti ai lavori che propone eventi, incontri e ricerche. Communication e meeting. Nasce da queste due parole il nome di un inedito progetto creato da Gruppo icat, Icat ComMeet. Si tratta di una divisione dedicata a fare cultura sul mondo del marketing e della comunicazione attraverso momenti di incontro, di confronto e di scambio di idee fra gli attori principali del settore. «Il progetto – commenta Claudio Capovilla, Presidente di Gruppo icat – vuole rispondere a un bisogno crescente di aggiornamento, di informazioni e di approfondimenti. Mercati sempre più complessi e veloci ed evoluzioni repentine delle tecnologie rendono essenziale avere strumenti interpretativi raffinati, in grado di orientare scelte strategiche chiare ed efficaci. Il mercato non ha mai perdonato e oggi lascia ancora meno spazio all’errore. Quindi conoscere le dinamiche profonde di alcuni fenomeni diventa un fattore chiave per la competitività».
A coordinare tutte le attività è stato scelto Albino Ponchio, una figura dalla grande competenza ed esperienza sia in ambito aziendale sia all’interno di agenzie di comunicazione (Tbwa e Gruppo WPP, fra le tante) e che negli anni ha tenuto docenze in prestigiosi istituti universitari come Cà Foscari, Bocconi, CUOA e IUSVE. «Icat ComMeet è un’assoluta novità nel mondo del marketing e della comunicazione – commenta Ponchio – perché introduce un approccio unico e una proposta culturale di altissimo livello. Essenziale è la filosofia alla base del progetto, ispirata ai valori del confronto e dello scambio di idee ed esperienze fra le persone. L’obiettivo, quindi, è offrire un servizio che permetta alle imprese e agli operatori del settore di entrare in contatto con tendenze, strumenti e best practice. Il tutto stimolando logiche di knowledge sharing continuo, che inneschino un circolo virtuoso e diventino un volano di opportunità». «Icat ComMeet – riprende Claudio Capovilla – si fa quindi promotore, divulgatore e punto di riferimento della cultura della comunicazione mettendo a disposizione dei partecipanti docenti e relatori di prestigio. Inoltre vuole diventare un’agorà aperta sul mondo della comunicazione, uno spazio di libero scambio fra molteplici punti di vista, preziosi proprio perché diversi».

Gli eventi: condividere per competere

L’attività di Icat ComMeet si concretizza in una serie di eventi, gratuiti ma con posti limitati, che inizieranno a settembre per poi proseguire durante l’autunno 2016 e continuare nel 2017. Ci saranno due grandi filoni tematici. Il primo si chiama “Eventi Manifesto” e tratterà alcuni argomenti chiave del mondo del marketing e della comunicazione, raccontati attraverso l’esperienza diretta di specialisti e imprenditori di aziende italiane. Il primo appuntamento è il 28 settembre a Padova, con Giorgio Presca (AD di Geox) che farà un intervento su brand positioning, analizzando le basi – attraverso importanti case study – per posizionare con successo la marca nella mente del consumatore e conquistare un’identità distintiva e un forte vantaggio competitivo per i brand e le imprese. A seguire ci sarà un intervento ad alto contenuto emozionale condotto da Paolo Manocchi, consulente e formatore con più di 20 anni di esperienza per famosi brand italiani. Il 7 novembre, invece, si parlerà di storytelling e content strategy per lo sviluppo del brand con Andrea Fontana, pioniere delle tecniche di narrazione in Italia. La seconda tipologia di eventi è dedicata a incontri dalla forte verticalizzazione su specifici settori e temi. Il primo sarà incentrato sul mercato B2B e sul processo di creazione del valore al suo interno. «Il nostro obiettivo – commenta Claudio Capovilla – è creare appuntamenti con un’audience molto profilata e omogenea per poter offrire una formazione ad alto valore aggiunto per chi si iscrive. I nomi in cartellone sono inoltre garanzia di eccellenza a livello di contenuti. Vogliamo che chi partecipa abbia la netta percezione di aver investito il suo tempo in qualcosa di utile, efficace e che risponda appieno alla sete di conoscenza che riscontro sempre più spesso tra i vertici aziendali».

Oltre la formazione: ricerche e Manifesto

Icat ComMeet va ben oltre l’offerta di eventi. In cantiere, infatti, ci sono attività che partiranno nell’autunno 2016 e si consolideranno l’anno successivo. La prima riguarda la realizzazione di ricerche di mercato, in collaborazione con importanti Università italiane, per indagare alcuni fenomeni della comunicazione in relazione a settori merceologici specifici. Si partirà dal mondo B2B, per poi toccare anche il B2C, il fashion, il food e il retail. «Avere a disposizione dati e analisi – sottolinea Capovilla – è sempre più strategico. Le informazioni, infatti, sono un asset imprescindibile per chi vuole presentarsi sul mercato e un presupposto per essere innovativi e competitivi». Tutto il progetto Icat ComMeet si fonda su un Manifesto della comunicazione che vuole essere una carta dei valori in cui rispecchiarsi. «L’idea – conclude Albino Ponchio – è di costruire un progetto aperto a quanti più interlocutori possibile e che miri a dare un’identità forte, riconoscibile e condivisa a chi vorrà sottoscriverlo. È un documento ad alto contenuto valoriale, che vuole orientare la teoria e la prassi di chi fa comunicazione oggi e in futuro».

21 anni di Gruppo icat

Nata da un’idea di Claudio Capovilla, l’agenzia si è ritagliata nel tempo una posizione di rilievo nel panorama italiano della comunicazione e del marketing. Sei le expertise – strategia, creatività, architettura, digital, ufficio stampa ed eventi – che offrono servizi integrati per i maggiori brand italiani e multinazionali come, fra gli altri, Mokarabia, Police, Università degli Studi di Padova, Fini, Forno d’Asolo, DiFrutta, Baxi, Grohe, Fondazione Cassa di Risparmio Cariparo. Da sempre l’approccio è di massima vicinanza al cliente in un’ottica di servizio fondata sulla sintesi di cultura, visione strategica, effervescenza creativa, idee innovative e controllo dei processi.
Dal 2014, Gruppo icat ha stretto una partnership con Makkie per una sinergia in ambito di servizi digitali e mobile per le imprese. Oltre a Padova, Gruppo icat è presente anche a Milano e Modena con, in totale, 60 professionisti.

Icat ComMeet 2016: Calendario eventi

  • Storytelling e content strategy
    Interviene: Andrea Fontana (Storytelling Expert)
    7 novembre, Padova
  • Il processo di creazione del valore nei mercati B2B
    Intervengono: Patrizia Steca (Università della Bicocca), Alberto D’Alessandro (Istituto Ce&Co) e Sergio Novello (Presidente e AD Sonepar)
    30 novembre, Padova

Fonte
ADVERTISER
Rassegna stampa: Pag. 88-89

Apri il megamenu

Privacy Preference Center