Non c’è dubbio che il digital abbia aperto nuove strade. Gruppo icat, agenzia di comunicazione e marketing con sedi a Padova e Milano, propone strategie integrate online e offline affinché ogni brand possa emergere e differenziarsi.

Strade che si integrano con altri strumenti per creare un ecosistema multicanale: come, per esempio, le opportunità offerte dal proximity marketing, dove il digital va a interagire in modo intelligente con i comportamenti delle persone. La sfida decisiva, infatti, è creare relazioni sempre più consistenti fra persone e brand. E questo è possibile solo se la comunicazione riesce a far sentire ogni individuo unico e al centro della scena. La marca può diventare un elemento vitale nella sua quotidianità perché permette di vivere esperienze ed emozioni forti e personalizzate: “la sfida è emergere e sorprendere facendo vivere un’esperienza molto naturale al target”, spiega Claudio Capovilla. E qui che entra in gioco l’approccio strategico: più la strategia è perfetta e accurata più l’esperienza sarà naturale; più le persone percepiscono il brand come parte di sé e della propria quotidianità, più saranno consapevoli di essere parte di una relazione vera e autentica. “Una strategia efficace può nascere all’interno di due assi cartesiani. Da una parte, l’analisi dei data; dall’altra il giusto timing. Per prima cosa, infatti, è necessaria una fase di auditing nella quale monitorare il mercato per definire lo stato dell’arte e captare nuovi trend. Una volta definito il consumer journey, inoltre, è essenziale individuare mezzi e momenti rilevanti affinché il messaggio venga vissuto al meglio, nella sua completezza. Parafrasando il titolo di un film, si tratta di cogliere l’attimo fuggente in cui il nostro interlocutore sarà positivamente predisposto per entrare in relazione con noi. I big data, infatti, se interpretati con acutezza, permettono di verticalizzare il messaggio andando a lavorare su tutti i touch point e offrendo un’esperienza del brand memorabile”. In linea con queste premesse, il cliente chiede una forte impronta strategica: ogni singolo strumento (app, sito, social, crm, realtà aumentata, gamification, loyalty program) deve collocarsi in un disegno d’insieme che rappresenti l’orizzonte valoriale della marca e delinei allo stesso tempo la mappa per raggiungere gli obiettivi. Il ruolo dell’agenzia oggi è di far percepire al cliente verso dove lo condurrà e mostrare i passi per arrivare a destinazione. E l’obiettivo è arrivare a stabilire una relazione forte, che è qualcosa di più di una connessione, fra brand e persone. La marca è parte della vita delle persone e queste sono parte della vita della marca: è uno scambio dove il consumatore evoluto pretende un dialogo diretto, veloce e aperto. Gruppo icat esprime tutti questi valori anche nel suo payoff: “il mercato si innamorerà di te è la promessa che come agenzia sapremo farti stabilire una relazione forte, autentica e sincera”. In un contesto dove le possibilità sono aumentate e nel quale sempre di più ci si confronterà con un’audience liquida e smart, che si aspetta dai brand una comunicazione di valore – le persone chiedono informazioni, assistenza e supporto direttamente ai brand facendo leva sulla disintermediazione fra utenti e aziende che gli strumenti digital e social hanno permesso – è necessario che gli utenti siano indirizzati. “Là, infatti, dove non ci sono limiti, è facile che le persone si perdano. Sarà prioritario, quindi, essere in grado di pensare a mappe che permettano di orientarsi fra le innumerevoli possibilità… E il marketing deve saperlo fare con la stessa velocità con la quale cambiano le tendenze e le abitudini di consumo”. Un esempio di questi rapidi mutamenti è legato alla rivoluzione della sharing economy. In pochissimi anni sono cambiati i meccanismi che regolano il gioco di richiesta e offerta di beni; improvvisamente l’utente da cliente singolo è diventato membro di una community e, allo stesso tempo, recensore, contributor e stakeholder. In questo scenario “il marketing deve essere agile, per intercettare nuovi stili, possibili sviluppi futuri, tendenze ancora a livello nascente”. L’agenzia guidata da Capovilla intende non mancare le scie innovative, uno degli obiettivi di breve e medio termine, infatti, è il rafforzamento dei servizi digital e il potenziamento del reparto strategico dedicato a questo settore. Effervescenza creativa coniugata con un approccio strategico innovativo in grado di armonizzare differenti strumenti per creare una strategia multicanale potente. È quello che Gruppo icat propone ai propri clienti. E lo fa quotidianamente con la propria squadra che si mette in gioco per costruire il successo di ogni singolo brand. Una squadra di specialisti, di professionalità integrate in grado di sviluppare soluzioni di comunicazione efficaci e capaci di osare, che mettono in atto un lavoro sinergico per curare in ogni dettaglio il posizionamento della marca e mettere in evidenza i suoi tratti distintivi, attraverso un approccio emozionale, dinamico e coinvolgente. Negli ultimi anni diversi grandi nomi hanno scelto i servizi proposti dall’agenzia. “La conferma di un approccio che funziona, proprio come la crescita a doppia cifra che, visto il contesto economico, è un risultato molto positivo”.

The Digital Challenge
Case Study
Strategia multicanale per l’Università di Padova

Dal 2015 Gruppo icat è impegnato a fianco dell’Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Padova. Un impegno che durerà per i prossimi tre anni. L’agenzia ha creato il portale web che sarà la grande piattaforma digitale dove gli Alumni potranno incontrarsi: uno spazio funzionale ed emozionale, che permetterà a tutti di essere protagonisti attivi e testimoni del grande prestigio dell’Ateneo. All’interno del portale, sarà presente un vero e proprio social network. Per gli iscritti all’Associazione, infatti, sarà possibile creare delle community tematiche: ognuno avrà l’opportunità di iscriversi a gruppi di interesse specifici e interagire con altri utenti che fanno parte dello stesso gruppo, scrivendo post, creando gallery di eventi ai quali hanno partecipato e dando vita a discussioni. Inoltre gli Alumni avranno, all’interno del loro profilo personale, la panoramica di tutti i gruppi dei quali sono membri o amministratori e un suggerimento riguardo a quelli che potrebbero esser di loro interesse. La strategia di lancio del portale ha affiancato strumenti offline (ufficio stampa, pr ed eventi) e online (sito, social e web marketing) in una comune visione che vuole far emergere lo spirito di appartenenza degli iscritti. Il concept creativo alla base dell’intero progetto ha visto protagonista l’immagine del telaio e della tela, come forte metafora dell’idea di interconnessione. Da questa intuizione è nato il visual della campagna di lancio, costruito artigianalmente intrecciando fili colorati che compongono la parola Alumni.

Fonte
Advirtiser
Link: www.advertiser.it
Rassegna stampa: Pag. 32-33

Apri il megamenu

Privacy Preference Center